Cookie

#iorestonline

E’ diventato il mio # delle ultime settimane … un # in cui credo molto e a cui chiedo di unirsi tutti gli imprenditori: #iorestonline

In questo momento ci sta dando la possibilità di continuare ad esserci per i nostri clienti, al di là che comprino oppure no.

Ci sta permettendo di avere a casa tutto ciò che ci serve grazie alle aziende che sono presenti in rete.

L’online ci sta permettendo di ridurre le distanze a livello personale e professionale.

L’online ci sta permettendo di sostenere la battaglia contro il corona virus, grazie alle raccolte fondi e alla veloce circolazione delle informazioni.

Avere un posto online significa tante cose❗️

Per me significa poter continuare ad affiancare e formare chi desidera utilizzare questo momento di stallo per fare meglio, per porre le basi per un business più ottimizzato e solido.

E tu … come stai usando l’online in questi giorni di chiusura e stallo forzato?

I social media sono un mezzo di informazione o divulgazione?

In queste settimane di “allerta” da coronavirus abbiamo visto come i Social siano diventati un mezzo tanto informativo quanto divulgativo.

Divulgativo perchè fanno da collettore di opinioni, report, indicazioni mediche e di prevenzione.

Informativo perchè ci permettono di capire in tempo reale come si muove la propria regione ed il proprio paese.

Io, ad esempio, abito in provincia di Brescia e grazie al Canale Telegram del Comune ho potuto informarmi quotidianamente sullo sviluppo delle restrizioni sul territorio in cui vivo.

Grazie al gruppo whatsapp della scuola frequentata da mio figlio, ho potuto informarmi in tempo reale sulle disposizioni attuate dai docenti, e sulla formazione a distanza.

Grazie a Facebook ho potuto ascoltare molti pareri Medici, farmi la mia opinione ….

I social, che troppo spesso critichiamo come “violatori” della nostra privacy, possono essere strumenti informativi e divulgativi straordinari!

…. Se utilizzati correttamente da chi pubblica e da chi legge 😉

A vostro avviso, in queste settimane, i Social vi sono stati utili?!?

OBIETTIVI DEL NUOVO ANNO

Anno nuovo, nuove strategie

I BUONI PROPOSITI …

Inizia una nuova settimana ed da qualche giorno è iniziato anche un nuovo mese … gli inizi sono sempre carichi di buoni propositi ma se a questi non seguono azioni concrete i RISULTATI non arriveranno.

Nel Marketing funziona nello stesso modo: non basta dire quanti clienti o quanto fatturato desidero fare questo mese – è necessario decidere le azioni necessarie per farlo e soprattutto quando e come farle!

… per il fatturato di novembre SEI GIA’ IN RITARDO!!!!

Mettiti subito al lavoro.

SELFIE O NON SELFIE?

MODA O STRATEGIA?

Riprendo questo spinoso argomento in quanto mi è capitato di leggere un post che criticava questo mondo di “selfie” … sostenendo che chi si fa i selfie lo fa solo per mostrare ciò che non è, facendo credere agli altri che la sua vita sia perfetta!

Io credo che, soprattutto, nel mondo professionale, metterci la faccia sia buona cosa!

Come sempre ci vuole moderazione e … è ovvio che se ci scattiamo una foto per un post professionale staremo attenti alla luce, ai capelli, allo sfondo ect ….

A mio avviso non è sbagliato dare di se l’immagine che desideriamo che gli altri percepiscano.

Vivere una seconda vita sui social invece è un altra questione che non è da esperto di marketing ma da psicologo!

Il marketing non è la vendita, porta alla vendita!

Cosa non è il Marketing

Abbiamo già avuto modo di dire che il #marketing e la #vendita sono due cose distinte. In molte aziende assisto al fenomeno “venditore anomalo” ossia colui che si deve occupare e preoccupare del pre-vendita e del post-vendita. Chi vende deve preoccuparsi di creare relazione e vendere … al resto ci devono pensare altre figure professionali e quando non è possibile è importante formare il “venditore” ad essere anche altro, perché la sua natura professionale non è quella. In questo caso il “marketing – training” può essere d’aiuto proprio per apportare competenze mancanti in una figura professionale “prestata”, per supportarla nel suo percorso di crescita in un ruolo ibrido.